Consulenze tecnologiche e informatiche
L'icona di autotask non compare e l'agente funziona male

L’icona di autotask non compare e l’agente funziona male

Con il passaggio alla versione di Autotask 4.4.1967.1967 sono incappato in due problematiche fastidiose su alcune postazioni, un’anomalia è legata al fatto che sulla postazione di lavoro non compore l’icona del programma nella systray e non è possibile eseguire il modulo Agente Browser, inoltre anche l’esecuzione da menu di Agent Monitor non sortisce effetto.

L’agente risulta essere correttamente in esecuzione.

 

Dalla console di gestione è possibile acquisire il controllo remoto della postazione di lavoro, anche se l’utente non visualizza alcuna notifica, oltre a non ricevere alcun messaggio inviato dalla chat, anche i Job presentano dei problemi di esecuzione.

 

Sempre dalla console, nel caso di uso di alcune delle funzioni di controllo in background, si ottiene un messaggio di errore che indica la mancaza del agente di monitoraggio sul sistema remoto.

 

La soluzione è abbastanza semplice, ma andiamo per ordine.

 

Cosa succede sulla postazione passando da .NET?

 

Apparentemente non succede nulla, un assoluto silenzio di tomba, anche più silenzioso.

 

Tuttavia un’occhiata ai log di sistema di Microsoft Windows, in particolare la sezione Applicazioni, evidenzia un errore della Gui.exe di AEM, come sempre si passa da Google e dalla Community, dove i suggerimenti di base rimandano allo stato dell’installazione del componente .NET, con alcuni rimandi di replica in posti non citabili vista la carenza di successi.

 

Errore di Autotask nei log di Windows

Errore di Autotask nei log di Windows

In effetti .NET è un elemento alla base di quasi tutti gli elementi grafici dei nuovi programmi utilizzati con Microsoft Windows, quindi una rimozione ed un ripristino dei componenti diventa un passaggio obbligatorio.

 

Ovviamente l’operazione di riparazione prima e ripristino dopo non porta nessun successo, come il passaggio all’installazione dell’ultima versione .NET, dove ho un normale funzionamento di AEM in diverse realtà.

 

A questo punto non resta che chiudere tutte i browser e le ricerche su Google e passare ad un approccio riflessivo-meditativo.

 

Vediamo dunque cosa combina AEM

 

Procedo di nuovo con la rimozione del agente dalla postazione e con il suo riavvio, della postazione, quindi installo la versione precedente di AEM, qui il successo e l’esultazione, il funzionamento è regolare.

 

Diventa dunque obbligatorio il passaggio di aggiornamento alla versione Autotask 4.4.1967.1967, dove come sospettato si ripresenta l’anomalia.

 

La nuova versione potrebbe aver introdotto le nuove funzionalità, quindi inizia la perlustrazione dei punti chiave di Autotask, ovviamente dopo aver disinstallato nuovamente l’agente.

 

La soluzione!

 

In realtà Autotask usa due cartelle per parcheggiare le sue informazioni, nello specifico:

 

c:\programdata\CentraStage

%userprofile%\appdata\local\CentraStage

 

L’agente è stato rimosso e le cartelle sono ancora lì con i dati, i job e i monitor, a questo punto un passaggio di spugna, cancello le cartelle.

 

L’operazione è rapida e proseguo con l’installazione dell’agente, che simpaticamente presenta la sua icona nella systray e svolge il suo lavoro al meglio.

 

Il problema è apparentemente legato a dei vecchi contenuti delle cartelle, probabilmente incompatibili o più probabilmente corrotti, è bene rammentare che è presente un apposito componente che permette di pulire in automatico i componenti presenti nelle cartelle usate da AEM, per quindi forzarne il caricamento pulito durante la sincronizzazione di accensione.

 

Il componete si chiama Clear Package Folder (WIN) e si trova nel Comstore.

 

Facendo in seguito qualche altra ricerca, con dei parametri legati a queste cartelle, o scoperto su Google anche questa soluzione, che tuttavia era offuscata da quelle riferite a .NET e ai permessi delle cartelle del .NET nel sistema operativo.

 

A volte la meditazione sortisce più effetti del motore di ricerca!

 

 

 

Se sei interessato ad approfondire questi contenuti o ad avere nella tua aziende questi strumenti o i prodotti menzionati, contattaci attraverso la pagina di contatto di questo sito, o se preferisci cercami attraverso la pagina FaceBook o il mio profilo Linkedin.

Per essere informato sui nuovi articoli e contenuti puoi anche iscriverti alle nostre newsletter.

 

 

 

Per la creazione di questo sito abbiamo deciso di non prelevare immagini direttamente da internet, ma di rispettare i diritti d'autore generando direttamente la grafica o acquistando i diritti di pubblicazione da un sito specializzato.
Se vuoi seguire il nostro esempio clicca anche tu questo banner.


MENU Fotolia

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 101Questo articolo:
  • 82137Totale letture:
  • 79Letture odierne:
  • 192Letture di ieri:
  • 21 novembre 2016Dal:
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri iscritti.

Seleziona lista (o più di una):




Trattamento dei dati