Consulenze tecnologiche e informatiche

Microsoft Windows 7

Gestire i servizi con Autotask e Powershell

Gestire i servizi con Autotask e Powershell

Torniamo alla gestione dei servizi di Microsoft Windows con un nuovo componente basato su powershell e che rispetto al precedente classifichiamo come un tool.

 

Scopo di questo componente di Autotask Endpoint Managment (AEM) è quello di permettere di avere informazioni su specifici servizi del sistema operativo e di agire su di loro, tale operazione deve essere ovviamente svolta con attenzione, infatti operando da remoto si potrebbe incappare in qualche spiacevole inconveniente andando a disattivare dei servizi necessari per le comunicazioni, come ad esempio la rete.

 

Il componente è stato progettato per non agire sul servizio alla base di AEM, questo per evitare di interrompere le comunicazioni con il dispositivo remoto e dover richiedere ad una persona presente di riavviare la postazione per ripristinare il corretto funzionamento del servizio.

 

L’esecuzione di questo componente può richiedere lo sblocco delle policy di esecuzione degli script in Powershell, per il quale si rimanda al articolo Autotask e Powershell un abbinamento che può non funzionare, dove è presentato un altro componente utile per abilitare e quindi disabilitare la possibilità di eseguire gli script Powershell da remoto, un componente che deve essere usato prima e dopo l’esecuzione di ogni procedura di aggiornamento da remoto attraverso Powershell.

 

Continua a leggere

Autotask e MailStore client passando per Powershell

Autotask e MailStore client passando per Powershell

Dopo la creazione di un componente per la gestione del Add-in Outlook di MailStore torniamo in scena con la seconda parte dell’avventura con  Autotask Endpoint Managment (AEM) e Mailstore server, oggi vedremo come con un nuovo componente è possibile agire sull’installazione di MailStore Client.

 

Come per il precedente componente, anche in questo caso ci occuperemo dei passaggi di installazione, aggiornamento e rimozione del programma.

 

A tale scopo utilizzeremo alcuni elementi del precedente componente AEM, quindi sempre avvalendoci del supporto di Powershell, con delle varianti legate al fatto che abbiamo a che fare con un programma indipendente e non collegato a Miscrosoft Outlook come nel precedente articolo.

 

Il componente sviluppato per la gestione di MailStore Client non può essere impiegato in presenza dell’installazione di MailStore server, essendo il programma una parte fondamentale nella gestione del server e pertanto da aggiornare unitamente alle piattaforma.

 

L’esecuzione di questo componente può richiedere lo sblocco delle policy di esecuzione degli script in Powershell, per il quale si rimanda al articolo Autotask e Powershell un abbinamento che può non funzionare, dove è presentato un altro componente utile per abilitare e quindi disabilitare la possibilità di eseguire gli script Powershell da remoto, un componente che deve essere usato prima e dopo l’esecuzione di ogni procedura di aggiornamento da remoto attraverso Powershell.

 

Continua a leggere

Autotask e MailStore Outook Add-in passando per Powershell

Autotask e MailStore Outook Add-in passando per Powershell

Di nuovo in scena Autotask Endpoint Managment (AEM) e Mailstore server, in un precedente articolo (Come AEM può aggiornare i client MailStore) avevamo visto come aggiornare i due elementi per pc di MailStore server, oggi vedremo come con un nuovo componente è possibile agire sull’installazione di MailStore Outlook Add-in.

In un prossimo articolo parleremo anche del aggiornamento del client dell’applicazione MailStore, appena il componente di AEM sarà pronto e collaudato.

 

Parlando con Claudio Panerai di ACHAB è emerso che stavamo cercando entrambi un componente per eseguire gli aggiornamenti ed in particolare le configurazioni di base delle componenti per computer di MailStore Server, l’estrazione della pagliuzza più corta ha decretato che fossi io a portare avanti il lavoro già in corso ed ultimarlo.

 

Un’altra novità è che questo componente AEM non impiega i soliti script di tipo DOS, ma questa volta si appoggia a Powershell, come forse era intuibile dal precedente articolo: Autotask e Powershell un abbinamento che può non funzionare, dove è presentato un altro componente utile per abilitare e quindi disabilitare la possibilità di eseguire gli script Powershell da remoto, un componente che deve essere usato prima e dopo l’esecuzione di ogni procedura di aggiornamento da remoto attraverso Powershell.

 

Continua a leggere

Autotask e Powershell

Autotask e Powershell

Nei precedenti articoli relativi ai componenti di Autotask Endpoint Managment (AEM), abbiamo visto sempre l’esecuzione di procedure in riga di comando DOS, mai eseguite con le funzionalità della più potente Powershell.

 

La scelta non è stata casuale ed è principalmente legata alla presenza di sistemi Microsoft Windows con versioni che non supportano in modo nativo questo tipo di shell, oppure che ne richiedevano l’installazione, per non parlare poi del fatto che per ragioni di sicurezza l’esecuzione di una quota parte delle direttive da remoto è di default bloccata.

 

Il tempo passa e bisogna andare avanti, quindi ecco arrivare un componente ibrido, che permette di determinare l’installazione della Powershell, la sua versione e l’impostazione di sicurezza per l’esecuzione.

 

Il componente è da me definito ibrido prendendo spunto da una versione presente nel ConStore di AEM, ovvero Powershell Execution Policy.

 

Continua a leggere

 

Avvio automatico delle applicazioni

Avvio automatico delle applicazioni

Quando ho scritto la prima versione di questo articolo non mi aspettavo il volume di accessi riscontrato. Pertanto ho deciso di fare una revisione sull’onda di alcune domande ricevute.

 

In questo articolo andremo a vedere come raggiungere e usare l’avvio automatico dei programmi con il recente sistema operativo Microsoft Windows 10, tenendo presente che tale procedura è quella adottata già per la precedente versione 8.x.

 

Bisogna premettere che l’uso del avvio automatico delle applicazioni alla Login dell’utente è un impiego un tantino antiquato del sistema, in particolare con Windows 10.

 

Fino al sistema operativo Microsoft Windows 7 la cartella di avvio automatico era facilmente localizzabile nell’elenco dei programmi, ora con le nuove versioni non è così.

 

Continua a leggere

Per la creazione di questo sito abbiamo deciso di non prelevare immagini direttamente da internet, ma di rispettare i diritti d'autore generando direttamente la grafica o acquistando i diritti di pubblicazione da un sito specializzato.
Se vuoi seguire il nostro esempio clicca anche tu questo banner.


MENU Fotolia

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 82139Totale letture:
  • 81Letture odierne:
  • 192Letture di ieri:
  • 21 novembre 2016Dal:
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri iscritti.

Seleziona lista (o più di una):




Trattamento dei dati