Consulenze tecnologiche e informatiche
AEM e i dispositivi mobili

AEM e i dispositivi mobili

Torniamo a parlare di Autotask Endpoint Managment (AEM), prodotto che utilizziamo e distribuiamo ai nostri clienti per la gestione proattiva del sistema informativo.

 

Oggi vediamo come abilitare la possibilità di caricare l’agente sui dispositivi mobili, nello specifico iOS e Android.

 

Quando chiedo di aggiungere un device non vedo le icone di iOS e Android

 

Entrando nel profilo del cliente o del dipartimento e cliccando sul bottone aggiungi dispositivo si apre il pannellino di scelta del tipo di sistema operativo o device, nella carrellata vedo tutto quello che ci deve essere: Windows; OS X; Linux; Network; Stampante; ESXi Host, ma manca iOS e Android.

 

Non si tratta di un problema di licenza o di un malfunzionamento, anche la gestione dei dispositivi mobili fa parte del pacchetto da te acquistato, ma necessita di essere attivata.

 

Come attivare la gestione dei dispositivi mobili

 

Per attivare tale funzionalità è necessario installare un modulo specifico, che troviamo andando nella sezione ComStore dell’interfaccia web di gestione.
Nella barra di ricerca cerchiamo Mobile Device Management (MDM) e quindi clicchiamo sull’icona che ci viene presentata e premiamo il bottone compra.

 

Attenzione che l’azione compra o buy non significa che state pagando il modulo, ma semplicemente vi permette di installarlo e usarlo dalla vostra interfaccia di gestione, i prodotti presenti nel ComStore sono gratuiti.

 

Dopo aver compiuto questo passaggio possiamo tornare al profilo e provare nuovamente ad aggiungere un dispositivo, scopriremo così di avere a disposizione anche i due sistemi operativi iOS e Android.

 

Per poter usare gli agenti su iOS è necessario compiere un ulteriore passaggio.

 

Autorizzare AEM a gestire i device Apple

 

Apple utilizza un meccanismo di autorizzazione esplicita per la gestione del dispositivo da parte di sistemi esterni, oltre che con AEM questo avviene anche per il prodotto Webroot, quindi il prodotto di gestione deve essere autorizzato attraverso un certificato digitale.

 

Per richiedere la firma del certificato da parte di Apple bisogna disporre di un ID Apple.

 

AEM gestione certificati Apple

AEM gestione certificati Apple

Nel pannello di gestione di AEM selezionare la voce Account in alto a destra e quindi dalla tendina scegliere la sezione Impostazioni.
Dopo l’installazione del MDM in fondo alla pagina è comparsa la sezione Apple Push Certificate, che ci permette di gestire la richiesta di un certificato.

 

Salviamo il file CSR del nostro pannello cliccando sul link *_Apple_CSR.csr e assegnando al file un nome descrittivo e con l’estensione .csr.

 

Usiamo a questo punto il link Apple push Certficate Portal, esattamente sotto il link da cui abbiamo scaricato il file csr, che ci invia direttamente al portale Apple per la firma dei certificati, dove dobbiamo accedere con le credenziali di un ID Apple valido.
Vedremo la lista dei certificati già attivi e il bottone verde Create a certificate, che dobbiamo premere accettando quindi le condizioni contrattuali.
Ora basta caricare il file CSR generato da AEM e scaricare sul computer il certificato PEM firmato da Apple.

 

Torniamo ad AEM e compiamo l’ultimo passaggio che consiste nel scegliere il file di certificato da caricare ed importarlo, andiamo a caricare il PEM appena scaricato e confermiamo.

 

Attenzione che i certificati rilasciati da Apple hanno la validità di un anno, quindi è bene segnarsi le date di scadenza per procedere per tempo con i rinnovi ed evitare di perdere le comunicazioni con i dispositivi.

 

Buona gestione!

 

 

 

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 38Questo articolo:
  • 172849Totale letture:
  • 28Letture odierne:
  • 281Letture di ieri:
  • 21 novembre 2016Dal:
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri iscritti.

Seleziona lista (o più di una):




Trattamento dei dati