Consulenze tecnologiche e informatiche

Configurazione

Per ogni necessità esiste una soluzione
Per ogni necessità esiste una soluzione

Per anni ho tenuto in hosting i servizi web, basati sulla piattaforma CMS WordPress, pertanto vulnerabile a molti attacchi, quindi per sua protezione ho acquistato un abbonamento WAF (Web Application Firewall).

Il server in Hosting era un linux, con caratteristiche di fascia alta e gli aggiornamenti a mio carico, che usavo anche per altre attività estemporanee, vista la flessibilità della piattaforma.

Con il passare degli anni l’utilità della piattaforma è calata e il rapporto costi ha iniziato ad essere svantaggioso, di fondo il mantenimento della piattaforma web mi pesava per circa 2.000 euro + IVA all’anno, altre alternative con le caratteristiche a me necessarie portavano ad un aumento dei costi.

In tutto questo avevo anche un sistema di test e simulazione con MDaemon e MailStore, posizionato in ufficio in una soluzione miniaturizzata.

Considerando che senza sperimentazione non c’è crescita, ecco arrivata l’idea di smantellare tutto e focalizzare il sistema in ufficio, senza perdere in sicurezza. È stata una di quelle idee che una volta iniziate ti riprometti di non ripetere e la prossima volta che ti vengono è meglio rimandarle al prossimo anno.

Comunque sia la migrazione è stata fatta ed è attiva da qualche mese, con la bellezza di avere il tutto sottomano e se serve di poterlo mettere in tasca e spostarlo da un’altra parte.

Il supporto hardware

Intel NUC - il piccolo computer dalle grandi capacità
Intel NUC – il piccolo computer dalle grandi capacità

 

Come macchina fisica volevo… Continua a leggere

Il disco rigido un collo di bottiglia per il sistema?

Il disco rigido un collo di bottiglia per il sistema?

Lo sviluppo evolutivo delle piattaforme software richiede computer sempre più potenti, tuttavia si raggiunge un punto oltre il quale la piattaforma appare essere lenta anche con i processori, le memorie e le schede video più performanti e potenti.

Una situazione che spesso sfugge al consumatore, e di cui non si parla, è che i dischi rigidi utilizzati hanno capacità di salvataggio ormai al di sopra del tera byte, con unità disco meccaniche aventi una velocità di rotazione preistorica e considerabile efficace per capacità al di sotto dei 500 giga.

Un disco da 7.200 RPM non è più in grado di rendere fluido il lavoro di una persona che necessita di muoversi in scioltezza su file di dimensioni rilevanti e su diversi file nel medesimo momento, per non parlare di applicazioni e lavori che necessitano di uno scambio continuo di informazioni con i contenuti del disco.

I bus di comunicazione di ultima generazione rendono le capacità di trasferimento di dati da e verso il disco sempre più rapide, tuttavia è come se veicolassimo un flusso d’acqua lungo un tubo di 20 cm di diametro per poi farlo confluire in un’apertura di 5 cm.

La tecnologia elettronica si è sviluppata rendendo disponibili dei supporti di memorizzazione a stato solido (SSD), ovvero delle grandi memorie non volatili ad accesso rapido, che eliminano una serie di fattori di rallentamento, rendendo il computer più ricettivo e rapido.

Questi supporti di memorizzazione, che ha poco senso chiamare dischi, non avendo più parti circolari rotanti, hanno raggiunto dei costi ampiamente abbordabili, consideriamo che un SSD con spazio per un tera byte, costa poco più di un centinaio di euro.

Per sfruttare al meglio un SSD con Windows 10 è utile compiere qualche configurazione di tuning, di cui scriveremo nel seguito.

Continua a leggere

Datto RMM con Wake on LAN

Datto RMM con Wake on LAN

Sicuramente è capitato a tutti di essere lontani dal proprio computer, nel senso di fisicamente in un altro luogo a chilometri di distanza, e di avere la necessità di collegarsi alla macchina per cercare qualcosa o eseguire un lavoro che non sarebbe fattibile in altro modo.

Personalmente, nel passato, mi è capitato di essere chiamato dal responsabile legale di alcuni clienti, la domanda speranzosa che mi hanno fatto è stata:

L’ufficio è chiuso e ho delle persone che devono collegarsi alle macchine per preparare del materiale, puoi accendere i computer da fuori?

La risposta era ovviamente no, poi è arrivato l’RMM, il magico Datto RMM, che si è fuso con il Wake on LAN, creando un’entità divina in grado di premere il bottone di accensione.

Continua a leggere

Le applicazioni partono solo con l'utente collegato

Le applicazioni partono solo con l’utente collegato

Torniamo a parlare della situazione in cui la postazione su cui si trova un’applicazione che deve partire in automatico ed essere sempre attiva e inoltre deve aver l’utente che esegue l’applicazione sempre collegato, in un precedente articolo abbiamo visto come evitare che Microsoft Windows 10 sconnetta l’utente (La sessione utente si sconnette da Windows 10), resta da risolvere il problema che se la postazione si riavvia, o l’utente si sconnette per altri motivi, le applicazioni non partono fino a quando qualcuno non si collega al desktop.

Per risolvere questa fastidiosa situazione è di nuovo tempo di evocare Datto RMM con i suoi monitor e una procedura Powershell molto articolata nella sua azione, ma semplice nel codice.

Se sei interessato alla procedura contattami.

Continua a leggere

Windows 10 sconnette l'utente e chiude i programmi

Windows 10 sconnette l’utente e chiude i programmi

Una situazione che genera mal di testa è quella di avere una postazione su cui si trova un’applicazione che deve partire in automatico ed essere sempre attiva, inoltre la postazione deve aver l’utente che esegue l’applicazione sempre collegato.

La soluzione rapida sarebbe quella di avere un’applicazione che parte come servizio a prescindere dal collegamento dell’utente, tuttavia non sempre è possibile.

Il mal di testa è causato dal fatto che l’utente viene sconnesso, in particolare se si tratta di un sistema con accesso remoto e non locale, la sconnessione è totale, non stiamo parlando del salva schermo, è proprio un disconnetti che chiude qualsiasi applicazione attiva.

Una catastrofe!!

In realtà non proprio, anche per questo esiste una soluzione, in realtà due, la seconda per risolvere il problema dei riavvii non presidiati, ma oggi iniziamo ad evitare che l’utente si disconnetta.

Continua a leggere

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 220063Totale letture:
  • 22Letture odierne:
  • 239Letture di ieri:
  • 21 Novembre 2016Dal: