Consulenze tecnologiche e informatiche

Sicurezza

Sapere sempre cosa succede in active directory

Sapere sempre cosa succede in active directory

La presenza di un’architettura Microsoft Active Directory fornisce molti vantaggi e automatismi, se configurata e ben usata, oggi vorrei affrontare l’argomento del controllo del database utenti.

Il database utenti è qualcosa che dormicchia sui controllori di dominio e a cui spesso non si pensa, salvo quando ci sono nuovi utenti da creare o vecchi utenti da cancellare.

Tuttavia possono verificarsi diverse situazioni per le quali è bene essere informati, abbiamo la scadenza delle password; il cambio delle password; la creazione di nuovi utenti; utenti che si bloccano; utenti inattivi; utenti scaduti e amministratori che si collegano.

Tutte queste situazioni possono essere controllate attraverso dei componenti e dei monitor Autotask Endpoint Managment (AEM) o pianificati nel server ed in entrambe i casi inviare delle e-mail di notifica ad un amministratore o agli utenti.

In questo contesto propongo dei componenti per il controllo di queste specifiche situazioni.

Mantenere sotto controllo lo stato degli utenti in Active Directory non è un’opzione

Continua a leggere

Autotask - come dichiarare l'antivirus compatibile con le patch di MeltDown

Autotask – come dichiarare l’antivirus compatibile con le patch di MeltDown

Il 2018 si è aperto con la notizia di una vulnerabilità nei processori di Intel, seguita a breve giro dalla migliore notizia che in realtà tutti i processori prodotti negli ultimi 10 anni soffrono di questo “trascurabile” problema.

La vulnerabilità riguarda il meccanismo di predizione dei comandi inserito nei processori, in sostanza quella funzione che permette alla CPU di anticipare statisticamente l’esecuzione del comando successivo a quello già in esecuzione.

 

Per maggiori dettagli rimando all’articolo di ACHABlog, Meltdown e Spectre: cosa deve sapere e fare un MSP e all’articolo Possibile falla nei processori Intel.

In questo articolo mi limito a fornire un componente per Autotask EndPoin Managment (AEM), contenente il codice necessario per l’inserimento di una chiave dei registri necessaria a dichiarare che il programma antivirus in uso sui sistemi è compatibile con le FIX di Microsoft.

Continua a leggere

Video sorveglianza e e.commerce troppo generalizzato

Video sorveglianza e e.commerce troppo generalizzato

Le feste arrivano, capita tutti gli anni e per qualche coincidenza strana sono sempre nello stesso periodo del calendario.

Per molte aziende in zone movimentate e con facile accesso ai locali avere la video sorveglianza attiva durante le settimane di chiusura è un fattore fondamentale, allora la settimana prima della chiusura bisogna fare le prove da dentro e da fuori, le telecamere devono essere accessibili anche dalla luna e avere il motion capture attivo.

La motion capture funziona e salva gli scatti mandandoli al server ftp di riferimento e via e-mail al titolare, tuttavia qualcosa non funziona, alcune telecamere fanno i capricci.

 

E chi chiami in questi casi?

I Ghostbusters?

No, il solito sistemista.

 

Continua a leggere

Critical Malware Protection Engine Flaw

Critical Malware Protection Engine Flaw

L’agenzia britannica di spionaggio e attacchi cibernetici ha evidenziato nelle ultime ore una grave falla di sicurezza in Windows Defender, in particolare nel componente Malware Protection Engine attraverso il servizio RCE (Remote Command Execution).

La vulnerabilità è riconducibile a quella evidenziata lo scorso maggio dal Progetto Zero di Google e descritta nel bollettino di sicurezza CVE-2017-11937.

La falla di sicurezza si è ripresentata sui sistemi Microsoft Windows 10 e sembra che Microsoft abbia previsto il rilascio della patch per il prossimo 12 dicembre. La vulnerabilità sembra interessare solo le postazioni desktop.

Continua a leggere

Qualcuno vuole registratore un nome dominio asiatico uguale al tuo marchio

Qualcuno vuole registratore un nome dominio asiatico uguale al tuo marchio

La scorsa settimana mi sono visto inoltrare una mail da un cliente, aspetto e testo molto seri e professionali, tanto da non suscitare particolari sospetti.

In soldoni un gestore di sicurezza e domini cinese avvisava che un’azienda aveva fatto richiesta di registrazione di una serie di nomi dominio uguali a quello usato dal cliente e uguale al nome della sua azienda, che opera a livello internazionale da anni e quindi il nome è un riferimento.

Lo scrivente, un responsabile del team del provider, chiedeva inoltre al cliente se aveva legami con questa realtà e se era d’accordo sul fatto che venissero registrati questi domini, avvisando che per la risposta avrebbero atteso sette giorni, dopo di che avrebbero dovuto procedere.

Ovviamente la risposta immediata è di non autorizzare l’uso del nome, al fine di tutelare il brand.

A breve giro arriva una ulteriore mail, dove il provider dichiara che concorda con la linea d’azione eseguita, tuttavia non può vietare che venga registrato un dominio, pertanto consiglia di registrare anticipatamente tutti i domini interessati, si tratta di primo livello facenti capo a Cina, Taiwan, Hong Kong e in genere area aisatica.

Il cliente mi chiede quindi quale sarebbe l’impatto economico diretto per la registrazione di questi domini, alcuni dei quali soggetti a vincoli e richieste documentali specifiche, il conto ammonta a poco meno di 400,00 euro all’anno.

Qualcosa non mi torna, vediamo perché.

Continua a leggere

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 151654Totale letture:
  • 163Letture odierne:
  • 264Letture di ieri:
  • 21 novembre 2016Dal:
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri iscritti.

Seleziona lista (o più di una):




Trattamento dei dati