Consulenze tecnologiche e informatiche

Microsoft Windows

Il concetto di prevenzione si applica anche agli harddisk

Il concetto di prevenzione si applica anche agli harddisk

Il disco del computer è uno degli elementi più critici, anzi, il più critico, infatti può guastarsi qualsiasi componente del computer e crearci un disservizio a causa della persona che non è più nelle condizioni di lavorare. In questa situazione si può sostituire l’elemento danneggiato o collegare il disco del computer in avaria ad un’altra macchina e recuperare i dati presenti.

La situazione si fa spessa quando a guastarsi è il disco rigido, in tal caso possiamo sperare di recuperare i dati in qualche modo, oppure trovarci nella condizione di avere un guasto della meccanica o dell’elettronica e non poter far nulla, salvo pagare un’azienda specializzata per recuperare i dati.

Mettiamo da parte il fatto che su un computer non dovrebbero esserci dati o applicazioni critici, che devono risiedere su un server con un bel sistema di backup o ancora meglio un sistema di Business Continuity.

Una delle soluzioni per prevenire questa fastidiosa situazione è quella di avere un monitor che esegue un ChkDsk catturando il messaggio di errore, nel caso di settori o file danneggiati, e inviando un allarme all’amministratore.

Questo metodo, che è utile e da non scartare, ci segnala tuttavia uno stato di compromissione già avvenuto, che può essere causato da uno spegnimento anomalo della macchina, quindi software, oppure da un progressivo deterioramento del disco, una situazione molto seria.

A questo punto è il caso di utilizzare quel elemento presente nei dischi, siano essi meccanici o SSD, e che restituisce lo stato reale di salute del dispositivo, compreso un valore denominato PredictionFailure, ovvero: attento che il tuo disco ti sta per lasciare, forse non oggi; forse non domani, ma ti sta per lasciare.

Con Powershell è possibile leggere i valori forniti dallo S.M.A.R.T. (Self-Monitoring, Analysis, and Reporting Technology) dei dischi.

Abbinando la procedura Powershell a DATTO RMM si ottiene un Monitor, che può essere eseguito ogni ora, o con la periodicità desiderata, sui computer attivi.

Continua a leggere

Sapere sempre cosa succede in active directory

Sapere sempre cosa succede in active directory

La presenza di un’architettura Microsoft Active Directory fornisce molti vantaggi e automatismi, se configurata e ben usata, oggi vorrei affrontare l’argomento del controllo del database utenti.

Il database utenti è qualcosa che dormicchia sui controllori di dominio e a cui spesso non si pensa, salvo quando ci sono nuovi utenti da creare o vecchi utenti da cancellare.

Tuttavia possono verificarsi diverse situazioni per le quali è bene essere informati, abbiamo la scadenza delle password; il cambio delle password; la creazione di nuovi utenti; utenti che si bloccano; utenti inattivi; utenti scaduti e amministratori che si collegano.

Tutte queste situazioni possono essere controllate attraverso dei componenti e dei monitor Autotask Endpoint Managment (AEM) o pianificati nel server ed in entrambe i casi inviare delle e-mail di notifica ad un amministratore o agli utenti.

In questo contesto propongo dei componenti per il controllo di queste specifiche situazioni.

Mantenere sotto controllo lo stato degli utenti in Active Directory non è un’opzione

Continua a leggere

Dominare i processi di Windows con Autotask

Dominare i processi di Windows con Autotask

Parliamo di gestione dei processi di Microsoft Windows con un nuovo componente basato su powershell e di cui esiste anche una versione minimale in DOS.

Scopo di questo componente di Autotask Endpoint Managment (AEM) è quello di permettere di interrompere l’esistenza di un processo diventato invasivo e che per il suo consumo di risorse, o altre situazioni, rende impossibile intervenire dal video con mouse e tastiera.

Il componente deve essere usato con prudenza e cognizione di causa, per evitare di chiudere dei processi essenziali per il computer e non protetti dal sistema operativo. Dunque è bene non sparare nel mucchio.

L’esecuzione di questo componente può richiedere lo sblocco delle policy di esecuzione degli script in Powershell, per il quale si rimanda al articolo Autotask e Powershell un abbinamento che può non funzionare, dove è presentato un altro componente utile per abilitare e quindi disabilitare la possibilità di eseguire gli script Powershell da remoto, un componente che deve essere usato prima e dopo l’esecuzione di ogni procedura di aggiornamento da remoto attraverso Powershell.

Continua a leggere

Scade la password, ma quando scade?!

Scade la password, ma quando scade?!

Considerando che il cambio password è un passo fondamentale della sicurezza e della normativa vigente, diventa anche fondamentale sapere quanto scade in Microsoft Windows.

Con l’avvento di Microsoft Windows 10 e di alcuni aggiornamenti anche in Microsoft Windows 7, si presenta un problema di visibilità, il pop-up di segnalazione è una finestrella quasi invisibile nell’area di notifica, che permane per una manciata di secondi.

Il risultato è che l’utente non si rende conto che deve cambiare la sua password di accesso prima che Active Directory lo chiuda fuori.

Da qui l’idea di sfruttare di nuovo Autotask Endpoint Managment (AEM) per svolgere un controllo giornaliero sulle date di scadenza e sulle policy per anticipare con una mail l’imminente scadenza.

Il componente utilizza Powershell per le sue azioni e richiede la presenza di una struttura active directory configurata ed attiva.

Continua a leggere

Esportare i driver di Windows 10 grazie a Powershell e Autotask

Esportare i driver di Windows 10 grazie a Powershell e Autotask

Qualche giorno fa mi sono trovato a leggere un articolo tecnico scritto da Marco Alzetta, nello specifico Reinstalliamo Windows 10, un trucchetto per risparmiare ore.

L’articolo indica la procedura per esportare i driver del sistema operativo mediante una cmdlet di Powershell, per poi poterli usare nel caso di reinstallazione del sistema operativo, semplicemente mantenendo il materiale su una chiavetta o in un altro punto da dove richiamarli nel momento del bisogno.

La procedura è in realtà utilizzabile a partire dal sistema operativo Microsoft Windows 8.1 e da Microsoft Server 2012 e successivi.

Il passaggio successivo dopo questa scoperta è stato quello di demandare ad Autotask Endpoint Managment (AEM) il salvataggio dei driver e la loro raccolta in un archivio compresso più facile da movimentare.

Questa è solo la prima parte, in un successivo articolo vedremo come automatizzare anche il salvataggio del pacchetto di driver ottenuto.

 

Continua a leggere

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 244793Totale letture:
  • 95Letture odierne:
  • 176Letture di ieri:
  • 21 Novembre 2016Dal: