Consulenze tecnologiche e informatiche
AEM per aggioranre MailStore in automatico

AEM per aggioranre MailStore in automatico

Nuovamente parliamo di due prodotti che sono nel nostro cuore per le loro potenzialità, in particolare di come AEM (Autotask Endpoint Managment) può essere il mezzo per aggiornare il client di Mailstore e il suo addin per Microsoft Outlook dopo aver aggiornato il server.

 

La realizzazione di questa unione, che può cambiare la vita del sistemista, dobbiamo compiere tre passaggi: prima di tutto creare i componenti per l’installazione dei programmi di Mailstore; creare un filtro in AEM ed associarlo ad una schedulazione.

Per la realizzazione di questi componenti si ringrazia Adam Perterson e il suo componente MSI Silent Install from local/Network path.

 

Vediamo come!

 

Creazione del componente AEM

 

Come creare dei propri componenti in AEM lo abbiamo già visto nel dettaglio in un altro articolo (AutoTask Endpoint Managment e le applicazioni a 32 o 64 bit), a cui rimandiamo per maggiori dettagli.

In AEM dobbiamo creare due componenti specifici per la distribuzione del componente MailStore Client e Mailstore Outlook Add-in, potremmo anche creare un solo componente, ma per una migliore gestione
degli aggiornamenti preferiamo avere due percorsi indipendenti.

 

Nella creazione dei componenti andremo a specificare le seguenti opzioni, per il titolo e la descrizione siete liberi di seguire la vostra fantasia:

  • Categoria -> Applicazioni
  • Livello protezione -> Alto (4)
  • Comandi -> Batch
  • File -> Carichiamo il file di setup da eseguire e referenziato nel batch

Vediamo ora i contenuti del batch che sarà messo in esecuzione sui computer.

 

Per il client Mailstore

 

@echo off
tasklist /FI “IMAGENAME eq Mailstore.exe” 2>NUL | find /I /N “Mailstore.exe”>NUL
if “%ERRORLEVEL%”==”0” (
  goto end
)
echo Installazione silenziosa di MailStore Client …
msiexec /qn /i MailStoreClientSetup.msi
if not errorlevel == 0 echo Install failed. && exit /b 1
exit /b
:end

 

Per il plugin di Microsoft Outlook

 

@echo off
tasklist /FI “IMAGENAME eq Outlook.exe” 2>NUL | find /I /N “Outlook.exe”>NUL
if “%ERRORLEVEL%”==”0” (
  goto end
)
echo Installazione silenziosa di MailStore Outlook add-in …
msiexec /qn /i MailStoreOutlookAddinSetup.msi
if not errorlevel == 0 echo Install failed. && exit /b 2
exit /b
:end

 

Come vediamo nei bacth i nomi dei setup (MailStoreClientSetup.msi e MailStoreOutlookAddinSetup.msi) non riportano la versione, questa scelta è stata fatta per poter riutilizzare il componente anche per le versioni successive dei programmi, andando semplicemente a caricare il setup della nuova versione senza modificare altre parti.

 

I due componenti eseguono l’aggiornamento solo nel caso in cui il programma Mailstore Client in un caso e Microsoft Outlook nell’altro non sono in esecuzione.

 

Il componente può essere anche usato per l’installazione dei programmi su nuovi computer.

 

Salviamo e passiamo ai filtri di ricerca.

 

Creazione del filtro di analisi degli audit sui computer

 

Dobbiamo a questo punto determinare quali computer gestiti da AEM hanno le componenti di MailStore installate e su quali è necessario compiere gli aggiornamenti, ipotizziamo in questo esempio di voler aggiornare alla versione 9.5.

 

La mia scelta è stata quella di creare il filtro alla radice della gestione dei profili, in modo da poterlo applicare a tutti i clienti e nel caso di gestirlo con delle esclusioni per scavalcare i clienti con versioni non aggiornate del server Mailstore. Quindi potete decidere se collocarlo nei Filtri di Sistema o nei Filtri di profilo.

 

Filtri di ricerca in AEM

Filtri di ricerca in AEM

Nella sezione scelta, nella colonna alla sinistra del browser, premiamo il bottone + (più) per aggiungere un nuovo filtro, a cui daremo un nome per noi significativo per identificane le la funzione.

 

Andiamo quindi ad aggiungere due criteri di ricerca, che saranno verificati in AND, quindi entrambi veri.
Il primo criterio deve cercare i dispositivi su cui è installato un Pacchetto software il cui nome contiene il termine Mailstore Client, in questo modo verranno evidenziati solo i computer su cui il programma è presente. Il secondo criterio cerca invece i computer in cui la lista dei pacchetti software non contiene nel nome il termine Mailstore client 9.5, in questo modo avremo la sola visualizzazione dei computer con versioni precedenti alla 9.5 del programma, ovvero quelli da aggiornare.

 

Analogamente procederemo per il filtro relativo alla ricerca dei computer con il programma Mailstore Outook add-in, dove i termini da cercare diventano rispettivamente MailStore Outlook Add-in e MailStore Outlook Add-in 9.5.

 

Salviamo i filtri e proviamoli selezionandoli in modo da verificare la corretta visualizzazione dei computer.

 

Applicazione degli aggiornamenti automatici

 

Pianificazione degli aggiornamenti con AEM

Pianificazione degli aggiornamenti con AEM

Attiviamo il primo filtro in modo da visualizzare i computer su cui deve essere applicato l’aggiornamento, la medesima operazione dovrà poi essere eseguita per il secondo pacchetto.

 

Nella lista dei computer da aggiornare selezioniamo tutti i dispositivi usando la casella di spunta in cima alla colonna e quindi premiamo sul piccolo ingranaggio grigio sulla barra delle azioni.

Questa azione ci manderà alla schermata di configurazione della pianificazione degli eventi.

 

Per essere sicuri che l’operazione di aggiornamento venga eseguita su tutti i computer possiamo ipotizzare di eseguirla per un’intera settimana in un orario dove i computer sono certamente accesi. Per cambiare la pianificazione, che di default è immediata, andiamo a premere sul bottone Fare click per modificare, quindi nella finestra selezioneremo i tempi di esecuzione.

Nella sezione componenti carichiamo il componente preparato, nella sezione Avvisi selezioniamo le voci il processo ha esito negativo e il processo contiene avvisi, decidendo nella sezione Job recipients a chi far recapitare le mail con gli avvisi.

 

La pianificazione potrebbe anche essere lasciata in modalità di esecuzione giornaliera senza interruzione, infatti nel momento in cui tutti i computer saranno aggiornati, la condizione del filtro non sarà più soddisfatta e quindi non si verificherà alcuna azione.

 

E le modifiche?

 

Con un nuovo rilascio dei programmi dovremo semplicemente modificare i componenti caricando i nuovi setup e variare le condizioni del filtro di ricerca cambiando la versione del prodotto con quella nuova.
Basterà quindi riattivare la pianificazione per iniziare la distribuzione, sempre che non sia già attiva da prima.

Scarica qui la versione base dei componenti.

 

Buon lavoro!

 

 

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 137Questo articolo:
  • 172849Totale letture:
  • 28Letture odierne:
  • 281Letture di ieri:
  • 21 novembre 2016Dal:
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri iscritti.

Seleziona lista (o più di una):




Trattamento dei dati