Consulenze tecnologiche e informatiche

Ma ne sei sicuro sicuro?

Protezioni non protezioni

Protezioni non protezioni

Oggi è venuta da me una persona con un file PDF contenente dei dati, il problema era che chi ha generato il report non ha pensato che forse i dati estrapolati erano da sistemare in ordine decrescente.

Certo che per chi svolge lavori di tipo statistico non è molto professionale, e serio, fornire il materiale ottenuto senza applicare un minimo di ordinamento.

La persona ha pensato di esportare il tutto in un file di excel e quindi su quello farci le elaborazioni del caso, operazione comunque semplice usando il programma Adobe Export PDF.

Qui la scoperta che il file è protetto da una owner password, ovvero quella password che impedisce la stampa e/o il copia e incolla, oltre alla modifica.

Ecco arrivare la disperazione, decine di pagine di dati da copiare a mano.

Ma tu che usi la owner password sei sicuro di essere al sicuro?

La password di protezione da modifiche

Rispetto alla password di blocco dell’apertura, conosciuta come user password, la owner password ha un livello di sicurezza non altissimo e tanto meno sicuro quanto più è vecchio e non aggiornato il programma usato per generare i file PDF.

Una protezione di questo genere può anche impedire una serie di operazioni, ma per stampare il documento si può anche ricorrere ad uno strumento di screen capture con una risoluzione medio/alta, per non parlare di un camscanner usato da smartphone.

Per accedere ai dati ci sono sempre gli OCR, un buon OCR, di quelli che funzionano sempre, ha costi un po’ alti, ma dipende da quale sia il valore dei dati da copiare e manipolare.

Pertanto metti pure la password per bloccare queste operazioni, ma fallo essendo consapevole che non ti proteggono molto, o quanto meno non come ti aspetteresti.

Anche la user password può essere raggirata, l’operazione è un tantino più complessa.

Come abbiamo risolto?

La soluzione non è stata nulla di quanto detto sopra, ma ancora più diretta e immediata.

Ricorrendo ad un vecchio programmino chiamato Portable PDF Unlocker, ho semplicemente rimosso la password di protezione e quindi utilizzato il programma Adobe Export PDF.

L’operazione ha richiesto meno di cinque minuti.

 

Tu ti senti sicuro quando spedisci documenti?

 

Se sei interessato ad approfondire questi contenuti o ad avere nella tua aziende questi strumenti o i prodotti menzionati, contattaci attraverso la pagina di contatto di questo sito, o se preferisci cercami attraverso la pagina FaceBook o il mio profilo Linkedin.

Per essere informato sui nuovi articoli e contenuti puoi anche iscriverti alle nostre newsletter.

 

 

 

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 249Questo articolo:
  • 199710Totale letture:
  • 362Letture odierne:
  • 208Letture di ieri:
  • 21 Novembre 2016Dal:
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri iscritti.

Seleziona lista (o più di una):




Trattamento dei dati