Consulenze tecnologiche e informatiche
Autotask con netsh per salvare le configurazioni wireless

Autotask con netsh per salvare le configurazioni wireless

Sovente capita di dover sostituire un computer e scoprire che l’utente non conosce nulla delle reti wireless che usa, se si tratta di un desktop in una rete aziendale le informazioni sono facilmente reperibili, ma se ci troviamo con un portatile che viene collegato in luoghi diversi l’affare si complica.

In tutto questo ci viene in aiuto un comando del sistema operativo, che salva le configurazioni in dei file xml con tanto di password, per poi permetterci di importare queste configurazioni nel nuovo computer.

Per poter avere pronti all’uso i salvataggi su molte macchine, ecco la preparazione di un componente per Autotask Endpoint Managment (AEM).

Questa strana idea è nata dopo uno scambio di informazioni con l’amico IT Manager Mario Mancini, che ha riscoperto questa modalità di configurazione.

Con l’aiuto delle istruzioni del articolo Come proteggere il contenuto dei tuoi script, del Blog di ACHAB, possiamo anche creare delle procedure di setup per la configurazione rapida del wireless sui computer di consulenti o persone esterne, senza fornire direttamente loro i dati con scomodi passaggi.

 

Il comando dei miracoli

 

Il comando di cui stiamo parlando, non ha molto a che fare con i miracoli, si tratta semplicemente del netsh (NETwork Shell).

Si tratta di una utility a riga di comando inclusa nei sistemi operativi a partire da Microsoft Windows 2000 e che permette la configurazione dei dispositivi di rete e di molti aspetti a loro associati. Tra i suoi impieghi troviamo anche il ripristino dello stack TCP/IP; la configurazione dell’indirizzo IP; la modifica delle impostazioni wireless e altro ancora.

 

NETSH per le reti wireless del computer

 

In questo articolo ci soffermiamo sui parametri di base per le operazioni di salvataggio delle configurazioni wireless e di visualizzazioni delle reti associate, parametri che andremo poi ad integrare in un componente batch di AEM.

Trattandosi di una utility in riga di comando, per poterla eseguire dobbiamo prima di tutto aprire una Command (CMD), oppure usare il comando all’interno di un file batch.

Possiamo eseguire il comando per avere una lista dei profili di connessione associati al computer, in questo caso la sintassi del comando da digitare è la seguente.

 

netsh wlan show profiles

 

Il risultato del comando sarà la lista degli SSID delle reti e se l’uso è per tutti gli utenti del computer o solo per quello collegato.

Il nome degli SSID diventa utile per salvare le configurazioni di una specifica rete wireless definita, in tal caso andremo a digitare il seguente comando.

 

netsh wlan export profile <ProfileSSID> key=clear folder=<percorso>

 

Il parametro export richiede il salvataggio dei dati di configurazione; con il parametro profile specifichiamo il SSID della rete da salvare (<ProfileSSID> diventa il nome della rete); il parametro key impostato a clear determina il salvataggio in chiaro della password della connessione; quindi con folder specifichiamo il percorso dove salvare il file xml con la configurazione, il percorso deve esistere.

 

Omettendo il parametro profile avremo come risultato l’esportazione dei dati di configurazione per tutte le reti wireless definite nel computer, per ognuna otteniamo un file xml dedicato.

 

netsh wlan export key=clear folder=<percorso>

 

Ottenuti i salvataggi possiamo importali sul nuovo computer o sul vecchio dopo aver cancellato tutte le connessioni wireless.

 

netsh wlan add profile filename=<filename> user=all

 

In questo caso con add specifichiamo che deve essere aggiunto un profilo, la cui configurazione è presente nel file xml passato al parametro filename, se il file non è nel percorso di default della CMD sarà necessario specificare il percorso completo, per finire con il parametro user=all importiamo la configurazione per tutti gli utenti del computer.

 

NETSH dentro Autotask

 

Il componente che abbiamo creato ha lo scopo di raccogliere le liste di reti wireless di diversi computer, fornendo queste informazioni nei report di esecuzione del componente. Usando gli SSID presenti nella lista è possibile fare delle specifiche esportazioni in base al nome, oppure creare i file di configurazione per tutte le reti presenti.

I file xml sono salvati in una specifica cartella del computer, indicata nella configurazione del componente al momento della sua attivazione.

Il componente richiede tre variabili di configurazione:

  • ReadOnly – può assumere due valori, true o false, dove nel primo caso il componente genera solo la lista delle reti, mentre nel secondo caso esporta i dati di configurazione. Il default è false.
  • Folder – Specifica il percorso dove i file di configurazione saranno salvati, ha significato solo se ReadOnly è impostata a false. Il default è c:\temp. Se il percorso non esiste viene creato dal componente.
  • ProfileSSID – permette l’inserimento del nome di una specifica rete wireless di cui si vuole ottenere il file di configurazione.

 

Il componente WiFi Export

 

Vediamo ora in modo sintetico come lavora il componente base, di cui leggiamo il codice nel seguito.

  1. IF %ReadOnly% == true GOTO LIST

 

  1. IF NOT DEFINED ProfileSSID (
  2. IF NOT EXIST %folder%\NUL (
  3. mkdir %folder%
  4. )
  5. netsh wlan export profile key=clear folder=%folder%
  6. ) ELSE (
  7. IF NOT EXIST %folder%\NUL (
  8. mkdir %folder%
  9. )
  10. netsh wlan export profile %ProfileSSID% key=clear folder=%folder%
  11. )
  12. goto END

 

  1. :LIST
  2. netsh wlan show profiles

 

  1. :END

Alla riga 1 verifichiamo se si intende fare una esportazione o vedere la lista, la presenza del valore true ci rimanda direttamente al comando di lettura della riga 15 e al termine della procedura.

Con il parametro ReadOnly a false passiamo alla riga 2 e verifichiamo se è definito il nome di una rete specifica, se non lo è eseguiamo il codice dalla riga 3 alla riga 6. Se invece il nome è presente andiamo ad eseguire il codice dalla riga 8 alla riga 11.

In entrambi i blocchi dalla riga 3 alla riga 5 e dalla riga 8 alla riga 10, il codice verifica l’esistenza del percorso di salvataggio specificato e in sua assenza lo crea.

La riga 6 esegue il salvataggio delle configurazioni di tutte le reti wireless nel percorso specificato, invece la riga 11 esegue il solo salvataggio della rete specificata.

La riga 12 chiude la procedura scavalcando il codice per la generazione della lista delle reti.

 

Scarica il componente base da qui.

 

Buona navigazione in wireless!

 

Se sei interessato ad approfondire questi contenuti o ad avere nella tua aziende questi strumenti o i prodotti menzionati, contattaci attraverso la pagina di contatto di questo sito, o se preferisci cercami attraverso la pagina FaceBook o il mio profilo Linkedin.

Per essere informato sui nuovi articoli e contenuti puoi anche iscriverti alle nostre newsletter.

 

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 110Questo articolo:
  • 130891Totale letture:
  • 166Letture odierne:
  • 229Letture di ieri:
  • 21 novembre 2016Dal:
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri iscritti.

Seleziona lista (o più di una):




Trattamento dei dati