Consulenze tecnologiche e informatiche

guasto

Il concetto di prevenzione si applica anche agli harddisk

Il concetto di prevenzione si applica anche agli harddisk

Il disco del computer è uno degli elementi più critici, anzi, il più critico, infatti può guastarsi qualsiasi componente del computer e crearci un disservizio a causa della persona che non è più nelle condizioni di lavorare. In questa situazione si può sostituire l’elemento danneggiato o collegare il disco del computer in avaria ad un’altra macchina e recuperare i dati presenti.

La situazione si fa spessa quando a guastarsi è il disco rigido, in tal caso possiamo sperare di recuperare i dati in qualche modo, oppure trovarci nella condizione di avere un guasto della meccanica o dell’elettronica e non poter far nulla, salvo pagare un’azienda specializzata per recuperare i dati.

Mettiamo da parte il fatto che su un computer non dovrebbero esserci dati o applicazioni critici, che devono risiedere su un server con un bel sistema di backup o ancora meglio un sistema di Business Continuity.

Una delle soluzioni per prevenire questa fastidiosa situazione è quella di avere un monitor che esegue un ChkDsk catturando il messaggio di errore, nel caso di settori o file danneggiati, e inviando un allarme all’amministratore.

Questo metodo, che è utile e da non scartare, ci segnala tuttavia uno stato di compromissione già avvenuto, che può essere causato da uno spegnimento anomalo della macchina, quindi software, oppure da un progressivo deterioramento del disco, una situazione molto seria.

A questo punto è il caso di utilizzare quel elemento presente nei dischi, siano essi meccanici o SSD, e che restituisce lo stato reale di salute del dispositivo, compreso un valore denominato PredictionFailure, ovvero: attento che il tuo disco ti sta per lasciare, forse non oggi; forse non domani, ma ti sta per lasciare.

Con Powershell è possibile leggere i valori forniti dallo S.M.A.R.T. (Self-Monitoring, Analysis, and Reporting Technology) dei dischi.

Abbinando la procedura Powershell a DATTO RMM si ottiene un Monitor, che può essere eseguito ogni ora, o con la periodicità desiderata, sui computer attivi.

Continua a leggere

L'icona di autotask non compare e l'agente funziona male

L’icona di autotask non compare e l’agente funziona male

Con il passaggio alla versione di Autotask 4.4.1967.1967 sono incappato in due problematiche fastidiose su alcune postazioni, un’anomalia è legata al fatto che sulla postazione di lavoro non compore l’icona del programma nella systray e non è possibile eseguire il modulo Agente Browser, inoltre anche l’esecuzione da menu di Agent Monitor non sortisce effetto.

L’agente risulta essere correttamente in esecuzione.

 

Dalla console di gestione è possibile acquisire il controllo remoto della postazione di lavoro, anche se l’utente non visualizza alcuna notifica, oltre a non ricevere alcun messaggio inviato dalla chat, anche i Job presentano dei problemi di esecuzione.

 

Sempre dalla console, nel caso di uso di alcune delle funzioni di controllo in background, si ottiene un messaggio di errore che indica la mancaza del agente di monitoraggio sul sistema remoto.

 

La soluzione è abbastanza semplice, ma andiamo per ordine.

 

Continua a leggere

Lo schiavismo si è evoluto?

Lo schiavismo si è evoluto?

Oggi vado fuori tema e affronto, non senza tornare nel ambito della sicurezza, l’argomento del lavoro e di come lo sviluppo della situazione ci sta trascinando in situazioni di rischio.

Non è mia intenzione sostituirmi agli economisti e ai diversi esperti di settore, semplicemente ho pensato di condividere quanto visto nel corso degli anni passando attraverso diverse tipologie di aziende.

Ormai da anni il tema del lavoro è un elemento chiave di qualsiasi dibattito e discussione, ci sono diversi punti di vista sul suo ruolo, partendo da quello costituzionale, dove i padri della democrazia italiana definirono il nostro paese “una repubblica fondata sul lavoro”.

La visione politica dell’ultimo triennio è che i cittadini devono avere un lavoro, perché questo permette alle persone di avere una dignità.

Per quanto le menti filosofiche e spirituali affermino che “il denaro non dà la felicità”, è pur vero che senza di esso non si può sopravvivere in questa società basata sul capitale, quindi chi cerca il lavoro non lo fa principalmente per avere un luogo dove andare a passare la giornata e di conseguenza avere la propria dignità tutelata. Lo scopro principale in questo frangente temporale è avere di che pagare le bollette a fine mese e riempire ogni settimana la dispensa. Con questi elementi tutelati arriva anche la dignità, almeno in parte.

 

Continua a leggere

Allarmi in evidenza

Allarmi in evidenza

Utilizzo il server di posta MDaemon da molto tempo e ovviamente ne ho un’installazione anche nel libro server di casa, il suo uso è variegato, oltre che per testare le nuove release prima di propagare gli aggiornamenti ho anche deciso di concentrarci tutta la reportistica di Autotask Endpoint Managment (AEM) e Webroot Secureanyware Business.

 

Ovviamente, come spesso accade per le caselle di posta che fanno da collettore, ci si trova a volte a non controllare in tempo reale le mail che arrivano, con l’aggravante che alcune sono mail felici che dicono che tutto va bene, mentre una minoranza (si spera) sono le mail di allarme che richiedono un’attenzione immediata.

 

Pertanto avendo una mail server di proprietà, con cui mi diletto a giocare per passare il tempo, la scelta è stata quella di usarne tutte le funzionalità, compresi i filtri di contenuto per mettere in evidenza i gravi allarmi.

 

Continua a leggere

Bottone home e crash del modulo di Android

Bottone home e crash del modulo di Android

Negli ultimi giorni su molti dispositivi Android si sta verificando un fastidioso fenomeno collegato all’uso del bottone Home.

 

Alla pressione del tasto il processo com.android.systemui viene chiuso in modo forzato, con il conseguente ricaricamento dello sfondo e nessuna ulteriore azione legata al tasto Home, le restanti funzioni del dispositivo continuano a funzionare regolarmente.

 

Continua a leggere

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 206190Totale letture:
  • 118Letture odierne:
  • 208Letture di ieri:
  • 21 Novembre 2016Dal: