Consulenze tecnologiche e informatiche

Raramente può capitare di dover resettare l’agente di Webroot SecureAnyware Endpoint Protection, oppure che una vecchia installazione di Avira non rimossa blocchi l’aggiornamento dell’agente in modo casuale e creando dei problemi di sincronizzazione con la GSM, in questi casi la via più rapida di soluzione è l’esecuzione del setup dell’agente (2 secondi per fare click).

Ecco che dopo l’esecuzione del file di setup, con o senza aver disinstallato l’agente, compare un messaggio di errore di Windows.

Messaggio di errore durante l'installazione

Messaggio di errore durante l’installazione

Dove si trova l’errore?

In realtà l’anomalia non è legata alla versione dell’agente e al tipo di piattaforma, a 32 bit o a 64 bit, il problema è più subdolo e il messaggio di errore trae in inganno e porta a cercare la soluzione per altre vie, ad esempio modificando le impostazioni di sicurezza del sistema operativo per l’esecuzione dei programmi.

Dopo aver disinstallato l’agente di Webroot SecureAnyware Endpoint Protection noteremo che nel percorso C:\Program Files (x86)\Webroot  è ancora presente l’eseguibile WRSA.exe e che non è possibile rimuoverlo in quanto il servizio è ancora in esecuzione, la sovrascrittura è impossibile anche per il setup.

Possiamo disattivare il servizio della gestione servizi, dove scopriremo che il servizio è attivo, ma in uno stato di errore nella fase di down, pertanto non è possibile eseguire alcuna operazione di start o stop, nemmeno da Powershell.

Gestione dei servizi

Gestione dei servizi

Possiamo però impostare l’esecuzione come disabilitato, tuttavia dopo il riavvio della macchina l’eseguibile risulta ancora allocato e non cancellabile.

La partenza in modalità provvisoria ci permette di rimuovere l’eseguibile cancellandolo, ma non di eseguire una disinstallazione, il programma risulta essere già disinstallato e alla ripartenza del sistema in modalità normale torna a presentarsi il messaggio di errore.

Tanto tempo perso

La soluzione sistemistica

La procedura da me adottata e tutto sommato veloce è quella di modificare le chiavi di registro.

Con molta attenzione e massima prudenza apro il gestore dei registri di sistema (regedt32), essendo consapevole che una modifica errata di un valore potrebbe compromettere in modo irreparabile il funzionamento del sistema.

L’operazione di alterazione dei registri avviene usando i comandi regedt32 o regedit, per maggiori informazioni si rimanda alla guida di Microsoft.

Nei registri di sistema cerco tutte le occorrenze della parola WRSA.exe e cancello ogni chiave che contiene questo valore.

Ultimata la pulizia dei registri riavvio la postazione e alla ripartenza vado a rimuovere la cartella Webroot nel percorso C:\Program Files (x86).

L’esecuzione del setup dell’agente di Webroot SecureAnyware Endpoint Protection si conclude ora in pochi secondi come ogni volta.

Di solito avresti formattato il computer?

 

Se sei interessato ad approfondire questi contenuti o ad avere nella tua aziende questi strumenti o i prodotti menzionati, contattaci attraverso la pagina di contatto di questo sito, o se preferisci cercami attraverso la pagina FaceBook o il mio profilo Linkedin.

Per essere informato sui nuovi articoli e contenuti puoi anche iscriverti alle nostre newsletter.

 

 

 

Categorie
Archivi
Count per Day
  • 59Questo articolo:
  • 165149Totale letture:
  • 150Letture odierne:
  • 376Letture di ieri:
  • 21 novembre 2016Dal:
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri iscritti.

Seleziona lista (o più di una):




Trattamento dei dati